CROWDforIDEAS – La base del tuo progetto di impresa

Abbiamo visto quali caratteristiche di base devono avere i progetti imprenditoriali per partecipare al nostro bando,
adesso è il caso di capire come le tue intuizioni possono cominciare a trasformarsi in impresa.

Probabilmente hai avuto molte intuizioni (se non ne hai ancora avute, qui c’è un video che per fartele venire), 
ma come capire qual è quella giusta da approfondire? 
E soprattutto: come si passa da una semplice intuizione a un modello di impresa?

Un approccio molto efficace per gettare le basi di un progetto imprenditoriale è iBusiness Model Canvas.
Utilizzare questo metodo ti aiuterà nel mettere a fuoco la tua idea, guidandoti nella creazione di una mappa da cui partire per la definizione del tuo progetto. 
Se non ne hai mai sentito parlare, non preoccuparti, questo articolo ti spiega di cosa si tratta! 

Il modello di business descrive il modo in cui un’impresa genera, distribuisce e raccoglie valore.
In poche parole: cosa fa e come guadagna da ciò che fa. 
Il BMC (Business Model Canvas) è uno schema che si compone di 9 sezioni, pensato per aiutare il progettista nel costruire un modello organico e coerente della sua impresa.

Ognuna delle 9 sezioni contiene alcune domande guida. La parte destra, è dedicata agli elementi che riguardano la commercializzazione dei prodotti e servizi.
 
La parte sinistra, invece, serve a individuare i fattori necessari per produrre il valore che vuoi offrire sul mercato. 
Al centro, come è giusto che sia, troviamo la sezione per descrivere il valore offerto: i prodotti/servizi che hai intenzione di proporre con la tua nuova impresa. Il cuore del progetto, in altre parole. 

Per cominciare, scarica e stampa (meglio se in formato A3) il modello vuoto… e segui i passi illustrati di seguito (continua dopo l’immagine).


1 il Valore offerto 

Descrivi i prodotti o i servizi che intendi proporre. Si parla di valore perché la domanda a cui devi saper rispondere è: per quale motivo i miei clienti dovrebbero interessarsi a ciò che offro? Che tipo di vantaggio trarrebbero dall’acquisto? 

2 – il Cliente

Qual è il profilo di cliente a cui ti rivolgi? Sono persone? Sono altre aziende? Sono entrambe le cose? 
Descrivi i tuoi potenziali clienti facendo riferimento a due dimensioni: quantitativa (es. età, genere, reddito ecc.) e qualitativa (bisogni, desideri, aspirazioni, abitudini, valori ecc.). 

3 – i Canali

Sono le modalità con cui potresti portare il tuo valore ai tuoi clienti o vicevèrsa. I canali sono i modi e i mezzi con cui distribuisci il valore aggiunto prodotto dalla tua impresa (es. consegna a domicilio, e-commerce, negozio, self-service ecc.) 

4 – la Relazione

Come vuoi essere percepito dal pubblico? Che tipo di relazione vuoi instaurare con i tuoi clienti? Ecco, sappi che la risposta “una relazione di fiducia”, è bella ma non è abbastanza! 
Chiediti come vorresti che le persone vedessero la tua impresa e chiediti come vorresti che parlassero di te con i loro amici e conoscenti. 

5 – i Ricavi

Una volta definita l’offerta, i destinatari, i canali e l’immagine dell’impresa, è il momento di pensare a come tutto ciò viene venduto sul mercato. Non significa che dovrai già individuare un prezzo specifico, bensì ragionare sulle modalità con cui commercializzare prodotti e servizi. 

 

Veniamo adesso al lato sinistro dello schema, che ti aiuterà a mettere insieme le parti utili a generare il valore che vuoi distribuire.

6 – le Risorse Chiave

Di che cosa hai bisogno per creare il valore che vuoi offrire? Fai un elenco dei fattori indispensabili per offrire sul mercato i tuoi prodotti e servizi: quali competenze ti servono? Quale strumentazione? Ci vuole un luogo particolare? Altro?

 7 – le Attività Chiave

Che cosa dovrai fare per far funzionare la tua impresa? Quali sono le attività che ti permetteranno di trasformare le risorse in prodotti e le tue competenze in servizi? Elenca tutte le funzioni e le attività da presidiare al fine di garantire la realizzazione del valore, la sua distribuzione e la raccolta dei ricavi. 

8 – i Partener Chiave

Pensando alle attività e alle risorse indispensabili per la tua impresa, quali di queste possono essere gestite in collaborazione con partner e fornitori? Che benefici puoi cogliere dalla collaborazione con altre realtà? Di che tipologia di partner necessita la tua impresa?

9 – i Costi

Affinché un’impresa possa generare profitti, è necessario che i costi da sostenere per il suo funzionamento siano proporzionati ai ricavi che riesce a generare. Fai un elenco di tutte le spese che la tua impresa dovrà sostenere una volta che sarà avviata. 

Un ultimo consiglio…
Tieni presente che la compilazione del Business Model Canvas richiede riflessione, ma non deve trasformarsi in una maratona infinita!
Conserva del tempo (la maggior parte) per la compilazione del format con cui presentare la tua idea d’impresa. 
Per capirci, qui trovi un esempio di BMC già compilato

E di seguito un video su come funziona… 

 


 


> Se il Business Model Canvas non ha più segreti per te, procedi subito con la descrizione del tuo progetto!
Trovi tutte le informazioni utili in questo articolo! Ti aspettiamo!

> Vuoi qualche info in più sul bando e le sue finalità? Dai un’occhiata a questo articolo!  

 

Condividi: